Primi passi verso la professione: intervista ad Ada Moscarella (parte 2)

Nella scorsa intervista abbiamo parlato di libera professione, ed accennato all’Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per gli Psicologi (ENPAP), di cui Ada Moscarella è attualmente Consigliere ad Indirizzo Generale. Che cos’è ENPAP?
Si tratta di una fondazione di diritto privato volta ad attuare le tutele previdenziali e assistenziali in favore degli Psicologi che esercitano la propria attività come liberi professionisti.
 
Oggi chiediamo ad Ada…

Nuove tecnologie e promozione della professione: intervista a Carolina Strada

L’utilizzo della tecnologia nella pratica professionale non è certo una novità: dai training riabilitativi svolti al pc, all’utilizzo di videogiochi, fino ad ambiti di ricerca ormai non più pionieristici, come quelli legati all’Intelligenza Artificiale. Tuttavia, oggi sempre di più la psicologia ha a che fare con la tecnologia dell’informazione e della comunicazione: social network, pagine webe comunicazione a distanza. Queste tecnologie aprono spazi importanti per ripensare alle tecniche di promozione della professione e al modo stesso di svolgere le nostre attività professionali.

L’anoressia giovanile: conferenza di Giorgio Nardone

Il giorno 22 giugno 2017 a Pontedera è stata condotta, dal noto psicoterapeuta Giorgio Nardone, una conferenza sul tema dell’anoressia giovanile. Giorgio Nardone è allievo di Paul Watzlawick ed è considerato tra le figure di maggiore spicco della scuola di Palo Alto: ha trattato ben 25.000 casi con successo ed ha fondato e dirige oggi il Centro di Terapia Strategica situato ad Arezzo. 

Gut-brain axis e Disturbi dello Spettro Autistico: implicazioni

La summa del pensiero ippocratico circa la nosologia era che “tutte le malattie hanno origine nell’intestino” (Ippocrate, IV secolo a.C.), volendo così sottolineare l’equivalenza tra benessere del tratto gastro-intestinale e salute dell’intero organismo. Il padre fondatore della medicina non si è allontanato molto da ciò che corrisponde alla realtà, pur non essendo a conoscenza della fittissima rete neuronale che si dipana nel nostro intestino (tanto complessa da essere stata definita “secondo cervello”) che si è rivelata giocare un ruolo fondamentale nell’omeostasi dell’organismo umano (Costa et al., 2000).

Pagine

Abbonamento a CriticaMente RSS