diagnosi

“Neuropsychological Criteria for Mild Cognitive Impairment Improves Diagnostic Precision, Biomarker Associations, and Progression Rates”; Bondi et al., (2014)

In this article, I will briefly describe the paper “Neuropsychological Criteria for Mild Cognitive Impairment Improves Diagnostic Precision, Biomarker Associations, and Progression Rates”, published in 2014 by Mark W. Bondi, Emily C. Edmonds, Amy J. Jak et al., in the Journal of Alzheimer’s Disease. Most of this text is literally taken from the article of Bondi et al., (2014). The full text is free available online.
 
INTRODUCTION

Indagine sul sonno in bambini di scuola primaria

I disturbi del sonno sono frequenti in età evolutiva: secondo i pediatri sono la quinta causa di preoccupazione per i genitori, in seguito a malattia, alimentazione, problemi comportamentali e anomalie fisiche (Mindell et al., 1994), nonostante a livello pediatrico ed ancora di più psicologico i professionisti tendono a non considerarli come problematiche gravi ed ingravescenti. In particolar modo ricerche hanno evidenziato la relazione fra disturbi del sonno e difficoltà attentive e di apprendimento, ma in Italia mancano ancora dati specifici a riguardo. 
 

Cenni all’inquadramento dei Disturbi da Stress: il ruolo crescente della neuropsicologia.

1. INTRODUZIONE

 

Ansia, umore depresso, polarizzazione del pensiero, riduzione degli interessi, della capacità di pianificazione ed un aumento delle difficoltà di concentrazione e di ritenzione delle informazioni sono le caratteristiche di un malessere che può ridurre sensibilmente, ma non sempre in maniera consapevole, l’efficienza lavorativa ed extra-lavorativa dell’individuo.

La modalità d’esordio è piuttosto subdola, lasciando spazio al dubbio che questi segni possano rappresentare i prodromi di un disturbo più grave. Ricorrere all’esperienza di un medico per capire quello che sta accadendo o ricevere lumi su quali possano essere le indagini cliniche da intraprendere può portare alla conclusione che siamo in presenza di una sintomatologia varia, sia fisica (algie diffuse, disturbi gastrici, eruzioni cutanee) che psichica, senza un’apparente causa organica ma con un nesso cronologico variabile con un periodo di stress intenso.

In medicina e in psicologia, mancano precisi percorsi diagnostici e/o di trattamento; il  “vuoto” diagnostico viene spesso colmato con l’etichetta “disturbi da stress”. 

 

Abbonamento a RSS - diagnosi