Primi passi verso la professione: intervista ad Ada Moscarella (parte 1)

Chi è Ada?
 
Psicologa con specializzazione in psicoterapia sistemico-relazionale, la cui formazione si divide tra Caserta, L’Aquila e Napoli, dove studia, si laurea, vive e si specializza. Da sempre libero-professionista, dal 2015 vive a Firenze, dove ha avviato, insieme a Paola Serio, il servizio di psicologia “La Base Sicura” (http://www.labasesicura.it/).
Da maggio 2017 è Consigliere di Indirizzo Generale presso l’Ente di Previdenza e Assistenza degli Psicologi (ENPAP), per il quadriennio 2017-2021 per il gruppo AltraPsicologia, attuale maggioranza all’interno dell’ente.
Scrive di sé: “Mi occupo anche di divulgare una sana cultura psicologica”. Il suo impegno, attraverso pagine web, gruppi Facebook e blog, è effettivamente enorme. Attraverso questi canali Ada fornisce importanti informazioni, per addetti ai lavori e non, su svariati temi di psicologia. Inoltre, spesso tocca temi fondamentali, come l’avvio e la promozione della propria attività professionale. 
Insieme affronteremo proprio questi argomenti.

Che cos’è il Binge Eating Disorder?

Molto spesso quando si parla di obesità e di soggetti obesi si crede, erroneamente, di riferirci ad una condizione di mancanza di volontà da parte di un soggetto che mangia più del dovuto e non riesce a smaltire, in nessun modo, le calorie assunte. Non è sempre così. Possono intervenire delle condizioni psicopatologiche capaci di modificare i delicati meccanismi biologici che regolano la ricerca di cibo, la percezione di sazietà e i meccanismi di reward.

Il lessico psicologico nelle narrazioni infantili

Il filosofo Aristotele, già nel IV secolo a.c. definì l’uomo un “animale sociale” per la sua tendenza ad aggregarsi in gruppi con altri individui. Ogni uomo, vivendo insieme agli altri, deve necessariamente sviluppare la capacità di comprendere i motivi delle azioni umane per adattarsi all’ambiente e funzionare in maniera socialmente adeguata. Comprendere l’agire proprio e altrui è possibile solo se si è in grado di fare riferimento agli stati mentali, come desideri, emozioni e credenze delle persone, essendo questi la prima causa del nostro comportamento manifesto.

Lo psicologo nelle aziende

Gli ambiti della psicologia, molte volte, vengo suddivisi in modo netto. Psicologia del lavoro, Psicologia clinica, Psicologia della salute e cosi via. Ma sono effettivamente cosi distinti? Bisogna per forza far riferimento ad un ambito solo senza prendere in considerazione altro? Le conoscenze di un ambito non posso essere utilizzate in altri? La Psicologia, in primis, promuove il benessere dell'essere umano.

Pagine

Abbonamento a CriticaMente RSS