Salta al contenuto principale

Il Grande Cocomero

 "Alle prese con la dodicenne Pippi (Fugardi), figlia di borgatari arricchiti e affetta da crisi epilettiche, Arturo (Castellitto), psichiatra infantile, tenta una terapia analitica. Ispirato alle esperienze del neuropsichiatra Marco Lombardo Radice, è il caso raro di un film italiano con un eroe positivo, un personaggio vincente. Con una tecnica drammaturgica attenta alle dinamiche del cinema americano e alla lezione della miglior commedia italiana, la Archibugi racconta con cura intelligente l'ambiente ospedaliero, il retroterra familiare dei personaggi, le figure minori.

È un film aperto alla forza dell'utopia, segnato da un pessimismo attivo e da una stoica compassione. La regista penetra nel mondo infantile, comportandosi come un ospite, e si muove in quello del dolore con la leggerezza pensosa di chi sa dosare umorismo e rispetto, affetto e lucidità. 3 Nastri d'argento e 3 David di Donatello."